Scultura


Rodin, I borghesi di Calais

Scultura a Venezia

Ci siamo impegnati nella creazione e selezione dei migliori itinerari, perché guidino, in modo facile e interattivo, il visitatore, da casa o per strada, alla conoscenza delle meraviglie di Venezia. I Beni Culturali sono un bene comune e devono essere fruibili, da tutti coloro che lo desiderano, in modo gratuito e comprensibile.

“Non esiste un concetto di bene culturale. Vi sono cose, gruppi e complessi di cose che hanno importanza per la storia, la condizione presente e i prossimi sviluppi della cultura. La cultura non è proprietà di persone, di classi, di singoli paesi; è di tutti. Bene culturale significa dunque bene pubblico.”

(Carlo Argan, tratto dall’articolo “Beni culturali, ma di chi?”, «Insegnare» (a. II, n. 7-8, luglio-agosto 1986, pp. 7-9).

Grandi artisti come Jacopo Sansovino, Alessandro Vittoria, Antonio Canova, Giovanni Maria Morlaiter, Tullio e Antonio Lombardo, Giusto Le Court hanno lavorato nei palazzi e nelle chiese veneziane, lasciando opere scultoree di altissima qualità. Durante questo viaggio, cercheremo di parlare di tutti loro, ma anche di opere moderne, come quelle di Rodin, presenti nella Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Cà Pesaro. 


Alessandro Vittoria, Mater Dolorosa e San Giovanni Evangelista (Basilica dei SS. Giovanni e Paolo)

Posted by on Ago 5, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

Alessandro Vittoria, Mater Dolorosa e San Giovanni Evangelista (Basilica dei SS. Giovanni e Paolo)

Autore articolo: Alessandro Bullo Alessandro Vittoria, Mater Dolorosa e San Giovanni Evangelista (Basilica dei SS. Giovanni e Paolo) AUTORE Alessandro Vittoria (1525 -1608) COLLOCAZIONE Dal 1816 le due statue sono collocate nell’ultima cappella absidale destra della basilica dei Santi Giovanni e Paolo in Venezia DESCRIZIONE Statue in bronzo. Dimensioni Vergine addolorata cm. 104,5; San Giovanni cm. 110. Iscrizioni sulle basi delle statue: “ALEXANDER VICTORIA F” Le statue sono collocate sopra due mensole, a fianco del...

read more

La facciata di San Moisè

Posted by on Lug 20, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

La facciata di San Moisè

Autore articolo: Alessandro Bullo La facciata di San Moisè Il progetto della facciata è del proto dell’Arsenale Alessandro Tremignon, allievo di Baldassare Longhena. Per la realizzazione della decorazione scultorea, Tremignon si avvalse della collaborazione dello scultore fiammingo Heinrich Meyring, seguace del Bernini. La famiglia Fini, di cui l’apparato scultoreo esalta le gesta e le glorie mercantili, era entrata a far parte nel 1649 della nobiltà veneta, e Vincenzo Fini era diventato nel 1687 Procuratore di San Marco de...

read more

Facciata San Moisè – Iconografia tra Sacro e Profano

Posted by on Lug 19, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

Facciata San Moisè – Iconografia tra Sacro e Profano

Autore articolo: Alessandro Bullo Facciata San Moisè – Iconografia tra Sacro e Profano La storia e la datazione della facciata nel mio articolo La facciata di San Moisè.  La statua di Mosè, collocata al vertice del prospetto, tiene le tavole con i comandamenti, all’origine della Legge in Israele. Mosè è il massimo legislatore, perché portatore delle Leggi di Dio, superiori a quelle dell’uomo. Sullo stesso asse, ma più in basso (perché portatore delle leggi degli uomini), il busto di Vincenzo Fini, celebre avvocato veneziano....

read more

Alvise Tagliapietra La Fede Cristiana e la Fede Ebraica – Pulpito Chiesa San Moisè

Posted by on Lug 9, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

Alvise Tagliapietra La Fede Cristiana e la Fede Ebraica – Pulpito Chiesa San Moisè

Alvise Tagliapietra La Fede Cristiana e la Fede Ebraica – Pulpito Chiesa San Moisè Tra il primo e secondo altare della parete destra della Chiesa di San Moisè, si trovano il Fonte Battesimale e il Pulpito culminanti con la scultura del Cristo Crocifisso. La struttura architettonica che si sviluppa su tre piani è opera dello scultore Alvise Tagliapietra (Venezia, 1670 – Venezia, 1747). I tre momenti del battesimo, dell’educazione alla vita cristiana tramite il pulpito e del sacrificio di Cristo sono uniti iconograficamente....

read more

Antonio Corradini Pietà – Chiesa San Moisè

Posted by on Giu 29, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

Antonio Corradini Pietà – Chiesa San Moisè

Autore articolo: Alessandro Bullo Antonio Corradini Pietà – Chiesa San Moisè Quando si entra dalla porta principale della chiesa di San Moisè, sulla destra è collocato il gruppo scultoreo della Pietà di Antonio Corradini (Venezia, 1688 – Napoli, 1752), scultore ufficiale della Repubblica di Venezia. La Pietà arrivò nella chiesa di San Moisè l’anno 1723, e fu benedetta dal Preposto della chiesa nel 1724. “ Invecto deinde in hanc aram ab Antistite Stephanino SS. Virginis doloribus affectae cultu, statuit ille in media altaris mensa...

read more

Monumento Cristoforo Ivanovich – Chiesa di San Moisè

Posted by on Giu 27, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

Monumento Cristoforo Ivanovich – Chiesa di San Moisè

Autore articolo: Alessandro Bullo Monumento Cristoforo Ivanovich – Chiesa di San Moisè Sulla parete sinistra della chiesa di San Moisè a Venezia, sopra la porta che dà in calle, è collocato il Monumento Funebre di Cristoforo Ivanovich, canonico di San Marco dal 1676 (Budua, 1620 – Venezia, 6 gennaio 1689). Il mausoleo fu costruito nel 1688 con marmi policromi da Marco Beltrame (Venezia, 1640 circa – 1699 circa). Monumento funebre ideato da Ivanovich e costruito prima della sua morte Nel 1684, Cristoforo Ivanovich iniziò a progettare il...

read more

Il monumento di Giovanni Battista Bonzio – Basilica dei SS. Giovanni e Paolo

Posted by on Giu 16, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

Il monumento di Giovanni Battista Bonzio – Basilica dei SS. Giovanni e Paolo

Autore articolo: Alessandro Bullo IL MONUMENTO DEL SENATORE GIOVANNI BATTISTA BONZIO – BASILICA DEI SS. GIOVANNI E PAOLO Nella Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, considerata il Pantheon della Serenissima, si trova lo stupendo monumento del Senatore Giovanni Battista Bonzio, le cui sculture furono realizzate da Paolo Stella tra il 1525 e il 1526. Spetta forse allo stesso artista anche l’ideazione della struttura architettonica (Markham Schulz, 1985, p. 93).   INFORMAZIONI ESSENZIALI Autore: Paolo Stella Milanese Ubicazione:...

read more

Antonio Rizzo (Scuola) Santi Cosma e Damiano – Chiesa di Santa Sofia

Posted by on Mag 12, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

Antonio Rizzo (Scuola) Santi Cosma e Damiano – Chiesa di Santa Sofia

Autore articolo: Alessandro Bullo Antonio Rizzo (Scuola) Santi Cosma e Damiano – Chiesa di Santa Sofia In origine, le due sculture facevano quasi certamente parte, assieme a quelle simili per stile e dimensioni dell’Evangelista Luca e dell’apostolo Andrea (anch’esse custodite nella chiesa di S. Sofia) dell’Altare della Scuola dei Barbieri, un tempo collocato nella chiesa di Santa Maria dei Servi. Le due sculture si trovano oggi nella piccola chiesa di Santa Sofia. L’edificio è difficile da trovare. Solo la parte...

read more

Cavalli di San Marco: restauro degli originali e realizzazione delle copie

Posted by on Gen 3, 2017 in ARTE, Scultura | 0 comments

Cavalli di San Marco: restauro degli originali  e realizzazione delle copie

Autore: Roberto Camatti Cavalli di San Marco: restauro degli originali  e realizzazione delle copie Alla tradizionale considerazione dei cavalli di San Marco sotto il profilo del loro significato storico-emblematico o del loro carattere di opera d’arte si è aggiunto dallo scorso secolo un interesse per la salvaguardia della loro integrità materiale. Questo fatto risponde anche ad una spiccata sensibilità del nostro tempo per gli oggetti ed i monumenti del passato concepiti come beni culturali insostituibili e di valore universale, dei quali...

read more

Antonio Canova – Breve Biografia

Posted by on Dic 28, 2016 in ARTE, Scultura | 0 comments

Antonio Canova – Breve Biografia

Autore: Michele De Martin Antonio Canova – Breve Biografia Il Canova ci lasciò definitivamente il 13 ottobre 1822, si trovava a Venezia in casa del suo amico caffettiere “Floriàn” Antonio Francesconi, in bacino Orseolo. La fama che gli arrise in vita si consolidò ulteriormente dopo la morte . Una cosa curiosa, quanto meno  per me, è che lo scultore iniziò il gesso per la ninfa dormiente nel 1820, poi la cominciò a scolpire nel corso del 1821 , dopo aver accettato la commessa dal marchese londinese Lord Lansdowne,  ed infine morì nel...

read more