Curiositates


Labirinto Borges - Fondazione Cini, Venezia

Labirinto Borges – Fondazione Cini, Venezia

Curiositates Veneziane

Questa categoria raccoglie una serie di articoli dedicati a tutti quei viandanti dell’arte o curiosi del mistero che hanno poco tempo e che, oltre a voler visitare Palazzo Ducale e la Basilica di San Marco, sono curiosi di conoscere anche qualche angolo o calle nascosta, un piccolo campiello, una scultura dimenticata, oppure qualche attrazione turistica vista da una diversa prospettiva.

Vogliono le cronache che, costumandosi la domenica delle Palme sciogliere al volo de’piccioni, molti di questi riparassero o sulla chiesa di S. Marco, o sul campanile; e col tempo moltiplicatisi non più abbandonassero la Piazza perchè vi trovavano nutrimento. Potrebbe nullameno riportarsi la loro introduzione all’ antico uso di mantenere a pubbliche spese delle colombe, uso che pur vige nelle città della Russia meridionale e della Persia, e che facilmente potè a noi derivare da quelle contrade frequentate da veneti.

(Pietro Selvatico e Vincenzo Lazari, Guida Artistica E Storica Di Venezia E Delle Isole Circonvicine, Venezia 1881, p.1)

Un esempio è il PONTE DEL PESTRIN, la cui denominazione trae origine dal termine PESTRINI, così erano chiamati un tempo i venditori di latte e derivati, perché i formaggi venivano ottenuti pestando il latte. Una bottega di Pestrini si trovava nella calle del Pestrin, a pochi metri dalla chiesa di Santo Stefano, intorno al 1400: annessa al negozio vi era era la stalla con le mucche e il laboratorio, dove si preparava il latte, il burro e i formaggi.


Storia della crocifissione di Mattio Lovat da se stesso eseguita

Posted by on Apr 4, 2018 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

Storia della crocifissione di Mattio Lovat da se stesso eseguita

Autore articolo: Francesca Borghesan Storia della crocifissione di Mattio Lovat da se stesso eseguita La curiosa e triste storia che starò per narrare l’ho ricavata da una lettera inviata dall’eminente medico Cesare Ruggieri ad un amico. La copia da me letta è del 1814, stamperia Fracasso.   Mattio nacque da una povera famiglia dedita all’agricoltura di Casale di Soldo, nel Bellunese. In “un sito, per così dire, segregato dalla Società, è facile il comprendere quale possa essere stata la di lui prima educazione; perciò...

read more

La “scafetta” o ruota degli Innocenti a Venezia

Posted by on Apr 2, 2018 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

La “scafetta” o ruota degli Innocenti a Venezia

La “scafetta” o ruota degli Innocenti a Venezia La ruota degli innocenti era una specie di bussola girevole, divisa in due sezioni: una esterna e una interna. La parte esterna era costituita da uno sportello e una culla, entro cui veniva posato il neonato abbandonato. La ruota veniva spinta e il neonato si trovava all’interno dell’edificio, di solito un convento o una chiesa. Accanto alla bussola, era solita esservi una campanella per chiamare le suore. In questo modo veniva preservato l’anonimato dei genitori. Poteva...

read more

L’Elefante di Sant’Antonin e i Baicoli

Posted by on Mar 13, 2018 in Curiosità, CURIOSITA', Senza categoria | 0 comments

L’Elefante di Sant’Antonin e i Baicoli

Autore articolo: Francesca Borghesan L’Elefante di Sant’Antonin e i Baicoli Non se la prenda la famiglia Badoer che secondo la tradizione ne avrebbe voluto la fondazione; non se la prenda Jacopo Palma il Giovane che ne ha fatto dei dipinti; non se la prenda San Saba che pur è sepolto qui con buona compagnia del busto del procuratore Alvise Tiepolo. Non se la prendano tutti, ma la chiesa di Sant’Antonin di Venezia è maggiormente ricordata per aver visto calpestare il suo sacro suolo da una pur santa creatura di Dio: un enorme...

read more

La Gondola – Storia e curiosità

Posted by on Nov 10, 2017 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

La Gondola – Storia e curiosità

Autore articolo: Alessandro Bullo La Gondola – Storia e curiosità La gondola è la più celebre imbarcazione veneziana, icona stessa della città di Venezia, conosciuta anche come la “carrozza” del Canal Grande. Quella che oggi è divenuta una costosa attrazione turistica era, in origine, una barca di uso domestico, utilizzata da quasi ogni famiglia veneziana per spostarsi in città.  ETIMOLOGIA della parola GONDOLA Gondola deriva da cymbula (barchetta). Gli antichi veneziani pronunziavano la y come la u e cambiavano spesso la c...

read more

Le Oselle di Venezia

Posted by on Nov 4, 2017 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

Le Oselle di Venezia

Le Oselle di Murano Nei tempi antichi era uso che il Doge potesse cacciare in tutte le valli della laguna, in cambio doveva però donare ai nobili, in segno di gratitudine per il permesso concessogli, alcuni dei volatili cacciati, le celebri osèle salvadeghe dai piè rossi.  I coltivatori delle terre demaniali, oltre ai tributi e doni (exenia) di pesce, di caccia, di erbatico, erano obbligati, al pari degli artieri, a servitù personali (angariae), come a prestar barche per usi di guerra, o per trasportare ne ’ loro viaggi il doge e i...

read more

Un Dinosauro al Museo civico di storia naturale di Venezia

Posted by on Ott 31, 2017 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

Un Dinosauro al Museo civico di storia naturale di Venezia

Un Dinosauro al Museo civico di storia naturale di Venezia Il Fondaco dei Turchi è sede del Museo Civico di Venezia dal 1923, quando fu fondato con un decreto del Comune di Venezia. Nel 2011 il Museo è stato completamente ristrutturato e ora ha 16 nuove sale e un bellissimo giardino.   Una delle sale più interessanti del museo è certamente quella dedicata alla spedizione scientifica dell’archeologo Giancarlo Ligabue  (Venezia, 30 ottobre 1931 – Venezia, 25 gennaio 2015). In questa sala è, infatti, possibile ammirare lo scheletro di un...

read more

Arte degli Scorseri

Posted by on Set 11, 2017 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

Arte degli Scorseri

Autore articolo: Alessandro Bullo ARTE DEGLI SCORSERI La Scuola devozionale dell’Arte degli Scorseri aveva sede presso la sede parrocchiale della chiesa di Sant’Eufemia. Alla Giudecca, tra il XIII e il XIV secolo, si formarono alcune società per la concia delle pelli.  Alla Giudecca esistevano scorserie, cioè concio di’ pellami, e nella città lavoratori di pelliccerie fine e di ornamento, come abbiam veduto nella processione delle arti all’elezione del doge Lorenzo Tiepolo …  (S. Romanin, Storia documentata di Venezia, Tomo...

read more

Il Palazzo dei Camerlenghi e i capitelli della “Mona” ardente e del “Casso” unghiato

Posted by on Giu 22, 2017 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

Il Palazzo dei Camerlenghi e i capitelli della “Mona” ardente e del “Casso” unghiato

Il Palazzo dei Camerlenghi e i capitelli della “Mona” ardente e del “Casso” unghiato Il Palazzo dei Camerlenghi, che si innalza per tre piani, si trova proprio a fianco del celebre Ponte di Rialto. Segue la curva del Canal Grande e per questo si sviluppa su una pianta pentagonale. Il palazzo, infatti, presenta ben cinque facciate interamente rivestite in pietra. La costruzione del palazzo iniziò nel 1525 su progetto di Guglielmo dei Grigi, detto il Bergamasco, e si protrasse sino al 1528. Fu sede dei Camerlenghi de...

read more

La statua di Nicolò Tommaseo cadrebbe se non ci fossero i libri …

Posted by on Feb 6, 2017 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

La statua di Nicolò Tommaseo cadrebbe se non ci fossero i libri …

Autore articolo: Alessandro Bullo La statua di Nicolò Tommaseo cadrebbe se non ci fossero i libri a sostenerla … La statua che ritrae il patriota e letterato Niccolò Tommaseo è collocata al centro del vasto campo di Santo Stefano, ed è stata eseguita dallo scultore Francesco Barzaghi (Milano 1839 – Precotto, Milano, 1892) nel 1882. Barzaghi, scultore verista e poco incline alle tendenze innovative della sua epoca, è ricordato sopratutto per il celebre monumento a Napoleone III nel parco di Milano (1881-1884). Il celebre letterato...

read more

Le colonne della Piazzetta di San Marco e il gioco d’azzardo a Venezia

Posted by on Gen 15, 2017 in Curiosità, CURIOSITA' | 0 comments

Le colonne della Piazzetta di San Marco e il gioco d’azzardo a Venezia

Autore articolo: Alessandro Bullo Le colonne della Piazzetta di San Marco e il gioco d’azzardo a Venezia Nelle cronache troviamo che fu Nicola Staratonio il primo a tenere un banco dove si giocava a dadi, tra le due colonne della piazzetta di San Marco. Gli fu concesso dalla Serenissima perché riuscì in un’impresa unica: innalzare le due enormi colonne di Marco e Todaro.  LE COLONNE DI MARCO E TODARO Le due splendide colonne di granito orientale rosa e grigio, collocate nella piazzetta di San Marco, che si affaccia...

read more

Pin It on Pinterest

Share This